espositori

Viaggio tra gli espositori di R.I.V.E. 2018: VITIS RAUSCEDO

Vitis Rauscedo è una società cooperativa agricola, con sede a San Giorgio della Richinvelda in provincia di Pordenone, specializzata nella produzione di barbatelle innestate, vitigni autoctoni e internazionali.

Storia
Vitis Rauscedo è una società cooperativa agricola nata nel 1985 costituita da 11 soci organizzati in diversi centri di produzione. L’azienda ha le caratteristiche di un’impresa a carattere famigliare che comporta una grande passione e il coinvolgimento diretto nel lavoro svolto: ciò si evidenzia nella estrema attenzione alla qualità della produzione che giustifica lo slogan “Vitis: vivaisti per vocazione”.
Vitis è presente in tutte le zone viticole delle regioni italiane, con quote di mercato che in alcune aree toccano il 30% delle barbatelle messe a dimora annualmente. La gamma di prodotto è adeguata alle richieste del mercato italiano: comprende oltre 150 varietà di uve da vino, 15 portinnesti, piú di 300 cloni, con una produzione di circa 10 milioni di innesti talea messi a dimora annualmente suddivisi in piú di 1.000 combinazioni d’innesto. Dopo 25 anni di attività, Vitis ha consolidato la sua posizione in Italia con circa il 10% di quota di mercato a dimostrazione di professionalità e imprenditorialità non comuni.

Produzione
Vitis è un’azienda che continua a investire in ricerca e sperimentazione per garantire una qualità sempre migliore.
Nel corso degli anni il sistema vivaistico ha subìto un notevole sviluppo tecnico in tutte le fasi della produzione: selezione, raccolta e conservazione dei materiali, innesto, forzatura, trapianto, coltivazione del vivaio, raccolta delle barbatelle, conservazione e spedizione. I soci Vitis sono sempre stati un passo avanti, ottimizzando i costi e garantendo la massima qualità delle barbatelle prodotte. Alla fine degli anni ’80 l’azienda, prima in Italia, ha introdotto l’utilizzo della paraffina e dei teli pacciamanti in plastica nelle fasi produttive di innesto e di coltivazione in vivaio. Le tecniche recentemente introdotte comprendono strategie per ridurre il consumo di acqua, contenere l’impatto ambientale, migliorare la difesa fitosanitaria, ottimizzare la radicazione e la lignificazione delle barbatelle. Tutte queste attività di ricerca permettono ogni anno di migliorare la qualità intrinseca delle barbatelle, che si concretizza nelle seguenti caratteristiche: punti di innesto sani, saldi e ben conformati, apparato radicale ineguagliabile, calibro uniforme e adeguato e lignificazione di tralci e radici superiore alla media.
Attualmente le tecniche messe a punto da Vitis sono i sesti d’impianto studiati correttamente in vivaio, le cimature oculate delle piantine, il pacciamatura con film plastico biodegradabile, la fertirrigazione con manichetta sottochioma, l’utilizzo di macchine irroratrici appositamente brevettate e studiate per il vivaio per una migliore gestione della lotta fitosanitaria. Altro filone di ricerca e sviluppo è rappresentato dalla selezione clonale di nuovi biotipi all’interno delle diverse varietà di Vitis vinifera: abbiamo sempre avuto particolare attenzione per la ricerca di nuove selezioni che garantiscano la sanità e la qualità del materiale propagato. Negli ultimi 12 anni abbiamo lavorato molto nella selezione clonale portando all’omologazione più di 40 cloni di varietà autoctone italiane: questo è il nostro continuo contributo per lo sviluppo e il miglioramento della viticoltura ed enologia italiana.

Servizi
Grazie alla rete commerciale basata su tre coordinatori di area e 20 agenti, Vitis è adeguatamente presente in tutto il territorio italiano, fornendo così ai clienti un buon servizio prima e dopo la vendita. La rete commerciale dell’azienda è formata da persone preparate e competenti: agronomi e/o enologi con una radicata esperienza sul territorio. Vitis si occupa direttamente della gestione dei campi madre per la raccolta delle gemme e conosce, quindi, fin dal principio il prodotto che propone. L’azienda permette di far visitare a chi lo richiedesse i campi madre delle marze e quindi di garantire, attraverso trasparenza e tracciabilità, la qualità sanitaria e l’origine delle barbatelle. Vitis ha la preparazione e l’esperienza per fornire sia consulenza pre-impianto (scelta di clone e portinnesto), sia post-impianto per l’allevamento e la potatura del nuovo impianto. Oltre ai materiali, da sempre l’azienda innesta con la massima serietà e riservatezza anche le gemme derivanti da selezioni aziendali. Sempre più aziende, infatti, desiderano riprodurre i biotipi e la variabilità genetica presente nei propri vigneti, al fine di garantire la produzione di uva confacente ai propri obiettivi enologici senza alterare la tipicità dei vini prodotti.